Salta ai Contenuti Salta la navigazione della testata

La Natura

Dopo aver passato la maggior parte del tempo ad Arusha quest'anno, non avendo molti giorni a disposizione, ci siamo voluti regalare tre giorni di vacanza nella vacanza.

Di solito quando andiamo a visitare i parchi lo facciamo nel modo più semplice e spartano possibile: con la tenda.

La tenda ti permette di vivere completamente immerso nella natura e a stretto contatto con gli animali regalandoti spesso grandi emozioni che a volte rasentano la paura.

Questa volta dopo anni ed anni di tenda abbiamo voluto provare l'esperienza di un luxury tended camp e devo dire che l'esperienza è stata molto positiva anche se non è il nostro ideale di vacanza ci siamo "adattati" a questo paradiso.

Siamo stati nella zona di Ndutu, un posto molto particolare al confine dei parchi Ngorongoro e Serengeti.

La zona è caratterizzata da alcuni grandi laghi alcalini che dopo la stagione delle pioggie sono i responsabili di un dramma che si svolge tutti gli anni: la morte di centinaia di erbivori che durante la migrazione si spostano verso la parte Nord del Serengeti. Infatti dopo le pioggie alcune aree intorno ai laghi  si trasformano in sabbie mobili imprigionando i poveri animali che le attraversano.

Noi per fortuna siamo stati nel periodo secco e non abbiamo assistito a questo spettacolo triste cui la natura dà corso ogni anno. Abbiamo però visto moltissime ossa, testimonianza del macabro spettacolo che tutti gli anni si compie.

Il posto è comunque meraviglioso e merita sicuramente una visita anche perchè offre la possibilità di poter osservare le rare volpi pipistrello e molti altri animali anche nel periodo secco.

Un altro aspetto molto curioso è che qui vivono alcune tribù Maasai e la zona e piena di leoni ma ne è nata una stretta e, per quanto possibile, pacifica convivenza: I masai hanno paura dei leoni e li rispettano e i leoni hanno paura dei masai e li rispettano. Un equilibrio che si è venuto a creare negli anni e che, per chi lo osserva per la prima volta, ne resta comunque stupito. I leoni hanno imparato a temere il tipico mantello rosso dei Maasai e probabilmente anche la loro altezza e la loro tipica andatura.

Il campo tendato sorge su una altura in prossimità del più grande dei due laghi, la vista è impressionante e la sera gli ippopotami che vivono nel lago alcalino risalgono le rive per pascolare. E' facile quindi incontrarli anche vicino alle tende e sentire i loro buffi rumori durante la notte.

Il safari in auto è molto particolare poichè in questa zona non si è costretti come in altri parchi a restare sulle piste, pur nel rispetto dei limiti imposti. Questo permette un avvicinamento maggiore agli animali e la possibilità di avvistare anche quelli più rari come le volpi pipistrello l'uccello segretario e tanti altri.


galleria fotografica

1
2
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29