Salta ai Contenuti Salta la navigazione della testata

La Collezione di Massimo Lini

Ho conosciuto Massimo molti anni fa quando la mia passione per i minerali era appena agli inizi ed io un ragazzo che si era da poco avvicinato ai minerali. Avevo una grande voglia di apprendere più nozioni possibili del mondo mineralogico ed ero affamato di conoscere i nomi dei minerali, di studiarli, di andarli a cercare ma soprattutto di condividere questa mia grande passione con altri collezionisti. In un contesto di allora senza internet era però difficile poter avere questa possibilità, i contatti erano rari e lenti e soprattutto per un ragazzo agli inizi non vi erano molte opportunità.

Massimo mi ha portato nel gruppo mineralogico romano dove ho iniziato a conoscere molte persone e soprattutto ragazzi con la mia stessa grande passione e voglia di fare. Grazie quindi alla guida di Massimo (che è stato per anni il presidente del Gruppo mineralogico romano) e soprattutto al suo incitamento ho iniziato a frequentare le mostre e a partecipare alle gite di ricerca che al tempo si organizzavano di frequente.

Devo molto a Massimo se sono riuscito negli anni a continuare, approfondire  e migliorare questa mia grande passione.

La collezione di Massimo è soprattutto estetica con una certa predilezione per le tormaline,  formata per la maggior parte da campioni di medie dimensioni con una perfetta armonia tra cristallo e matrice. Non mancano però pregevoli campioni di grandi dimensioni che  in qualche modo valorizzano ancora di più gli altri.

Massimo si racconta in poche righe, ma dietro la sua presentazione ci sono anni ed anni di esperienza, di ricerca sul campo  e soprattutto di studio dei minerali:

Ho iniziato a collezionare minerali negli anni 60 dello scorso secolo. Il Gruppo Mineralogico Romano è stato il mio principale punto di riferimento ma oltre al Lazio  ho avuto modo di effettuare ricerche in Sardegna ed in modo particolare nell’Oristanese, sul Monte Arci, dove ho avuto la fortuna di rinvenire Piombo Nativo in eccezionali ammassi botroidali che oserei dire unici a livello mondiale.  Ho da sempre dedicato molto del mio tempo libero ai “minerali” ed è con grande nostalgia che ricordo le giornate trascorse insieme agli amici sui monti, in campagna, oppure semplicemente in qualche cava delle tante località Italiane visitate.

Massimo Lini

galleria fotografica

Piombo Nativo Monte Arci Sardegna
Zolfo cristallo tabulare Racalmuto Sicilia
Fluorite Argentiere Francia
Fluorite Silius Sardegna
Cuprite Sud Africa
Hausmannite Sud Africa
Quarzo Oisans Francia
Rodocrosite Oyon Perù
Tormalina Paprok Afghanistan
Tormalina Pakistan
Tormalina Skardu Valley Pakistan
Tormalina Brasile
Tormalina Minas Gerais Brasile